Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 28347 del 23 giugno 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

In forza del combinato disposto degli artt. 133 e 134 del T.U.L.P.S., la guardia giurata particolare, previa autorizzazione prefettizia, pu˛ essere destinata soltanto alla vigilanza e alla custodia di entitÓ patrimoniali, rivestendo la qualifica di incaricato di pubblico servizio allorchŔ svolga attivitÓ complementare a quella istituzionalmente affidatagli. Ne consegue che non potendo derivare tale qualitÓ dall'esplicazione di un servizio posto al di fuori dei compiti di istituto, non Ŕ configurabile il reato di cui all'art. 337 c.p. nei confronti della guardia giurata che, incaricata del servizio di vigilanza di un comprensorio privato, sia intervenuta a tutela della sicurezza dei consorziati nel corso di una lite tra privati.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.