Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 4606 del 4 maggio 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

La concessione della non menzione della condanna nel certificato del casellario giudiziale č subordinata unicamente alla valutazione positiva delle circostanze indicate nell'art. 133 c.p., restando precluso ogni altro diverso criterio di giudizio. Pertanto, č illegittimo il rifiuto del beneficio detto basato sulla considerazione che la pubblicitā insita nella menzione della condanna puō costituire un monito per l'imputato, sconsigliandolo in futuro dal commettere ulteriori reati.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.