Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 14414 del 2 novembre 1990

(1 massima)

(massima n. 1)

La regola per cui non pu˛ tenersi conto due volte dello stesso elemento a favore o contro il colpevole non si applica quando tale elemento non Ŕ l'unico rilevabile dagli atti oppure non sia ritenuto dal giudice il solo prevalente e lecito e venga in considerazione per fini diversi, come, ad esempio, al fine di determinare la pena base e di stabilire se concedere o negare una circostanza attenuante. Legittimamente, pertanto, il giudice pu˛ valutare gli stessi elementi (nella specie gravitÓ del fatto e precedenti penali dell'imputato) una prima volta per negare le attenuanti generiche e una seconda volta per determinare la misura della pena.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.