Cassazione penale Sez. II sentenza n. 2240 del 18 febbraio 1991

(1 massima)

(massima n. 1)

Il principio costituzionale delle finalitÓ rieducative della pena (art. 27, terzo comma Cost.), che informa tutto il sistema penale e non soltanto la fase dell'esecuzione, si riflette sul meccanismo delineato nell'art. 133 c.p., orientando il potere discrezionale del giudice. Ne consegue che la commisurazione della pena non pu˛ prescindere dalle źnecessitÓ rieducative╗ da determinare in relazione alla gravitÓ del reato e alla personalitÓ dell'imputato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.