Cassazione penale Sez. V sentenza n. 4173 del 13 aprile 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

╚ manifestamente infondata la questione di legittimitÓ costituzionale degli artt. 228 e 231, L. fall., sollevata in riferimento all'art. 3, comma 1 della Costituzione, stante il pi¨ rigoroso trattamento sanzionatorio previsto da queste norme rispetto a quello fissato dall'art. 324 c.p. e dall'art. 323, comma 2, c.p., introdotto dalla L. 24 aprile 1990, n. 86, poichÚ l'uguaglianza tra i cittadini presuppone l'identitÓ di situazioni in un contesto oggettivo, mentre la finalitÓ delle norme incriminatrici in materia fallimentare si caratterizza per la peculiaritÓ della connessione con le funzioni e gli scopi degli istituti fallimentari, il cui normale conseguimento Ŕ assicurato da un diverso e pi¨ appropriato sistema sanzionatorio voluto dal legislatore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.