Cassazione penale Sez. I sentenza n. 11476 del 12 novembre 1987

(1 massima)

(massima n. 1)

L'imputato, nel caso in cui intenda far valere nel giudizio una causa di giustificazione in suo favore, non ha giā l'onere di fornire la prova rigorosa di quanto da lui affermato al riguardo, bensė di indicare tutti quegli elementi su cui il giudice potrā indirizzare le indagini e gli accertamenti circa la sussistenza della scriminante. Tuttavia in caso di inadempimento dell'onere di allegazione da parte dell'imputato di elementi di indagine il giudice, qualora le risultanze processuali glielo impongano, e proprio sotto l'aspetto probatorio, ha l'obbligo di rilevare la sussistenza dell'esimente, da accertarsi con o senza l'ausilio dell'imputato, il quale resta sempre libero di privilegiare una linea difensiva al posto di un'altra.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.