Cassazione civile Sez. II sentenza n. 3629 del 4 giugno 1981

(1 massima)

(massima n. 1)

La semplice indicazione nel regolamento di condominio di una determinata destinazione delle unitÓ immobiliari non pu˛ precluderne altre diverse, essendo tale risultato conseguibile solo mediante costituzione di reciproche servita volontarie fra i vari condomini, con conseguente restrizione della sfera di dominio di costoro sui beni di loro proprietÓ esclusiva ed essendo a tal fine necessarie specifiche manifestazioni di volontÓ, desumibili in modo non equivoco dall'atto costitutivo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.