Cassazione civile Sez. I sentenza n. 5789 del 4 novembre 1982

(1 massima)

(massima n. 1)

L'azione di opposizione di terzo nel procedimento esecutivo non Ŕ un'azione reale di revindica, ma un'azione di accertamento della illegittimitÓ dell'esecuzione in rapporto al suo oggetto e nei confronti del terzo che sullo stesso vanti un diritto che possa ritenersi prevalente su quello che compete al creditore procedente in relazione all'oggetto dell'esecuzione. Essa ha, quindi, anche natura personale, dovendosi attribuire all'indicazione della proprietÓ o di altro diritto reale, contenuto nella disposizione dell'art. 619 c.p.c., carattere esemplificativo, e potendo, perci˛, detta azione essere esercitata anche sulla base di altri diritti prevalenti sulla pretesa del creditore procedente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.