Cassazione civile Sez. III sentenza n. 27148 del 19 dicembre 2006

(2 massime)

(massima n. 1)

L'amministrazione giudiziaria dell'immobile č prevista dall'art. 591 c.p.c. come alternativa rispetto ad un incanto successivo al ribasso č rimessa alla decisione del giudice dell'esecuzione, a prescindere da una espressa domanda dei creditori procedenti, e non rappresenta una forma autonoma di esecuzione, ma costituisce una fase incidentale del procedimento di espropriazione, meramente eventuale e sussidiaria, che ha la funzione di sospenderlo in presenza di una contingenza negativa in attesa di tempi in cui il mercato sia pił favorevole. Il suo scopo č di mantenere il valore stimato dei beni e di evitare la diminuzione che ne comporterebbe il ricorso ad un nuovo incanto. (Principio affermato riguardo a fattispecie soggetta al testo dell'art. 591 anteriore alla sostituzione disposta dall'art. 39 quater del D.L. n. 273 del 2005, convertito con modificazioni nella legge n. 51 del 2006).

(massima n. 2)

Nell'attuale disciplina normativa dell'esecuzione forzata vige il principio della tassativitą delle ipotesi di estinzione del processo esecutivo e, conseguentemente, non č legittimo un provvedimento di c.d. estinzione atipica fondato sulla improseguibilitą per «stallo» della procedura di vendita forzata e, quindi, sulla inutilitą o non economicitą sopravvenuta del processo esecutivo. (Sulla base di tale principio la S.C. ha accolto il ricorso avverso la sentenza, con la quale un giudice dell'esecuzione aveva rigettato l'opposizione agli atti esecutivi, proposta contro l'ordinanza di estinzione parziale di un processo esecutivo, adottata dal giudice dell'esecuzione — dopo un avviso alle parti e nel presupposto dell'impossibilitą di dar corso all'amministrazione giudiziaria per mancanza di domanda espressa delle parti — «per riconosciuta impossibilitą del medesimo di conseguire alcun risultato in ordine ad un lotto assoggettato ad esecuzione»).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.