Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 1416 del 23 marzo 1978

(1 massima)

(massima n. 1)

Quando sia andato deserto l'incanto, il giudice dell'esecuzione, avendo il potere-dovere di scegliere i provvedimenti pi¨ adeguati per la tutela degli interessi del creditore procedente e dei creditori intervenuti, pu˛ legittimamente revocare l'ordinanza di disposizione di nuovo incanto ed accogliere un'istanza di assegnazione idonea, presentata entro il termine di cui all'art. 588 c.p.c. (Nella specie l'istanza di assegnazione era stata accolta, considerato che il prezzo offerto, non inferiore a quello di stima, bastava a soddisfare tutti i creditori e che il nuovo incanto presentava il rischio della realizzazione di un prezzo minore o di lasciare il bene invenduto).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.