Cassazione civile Sez. III sentenza n. 9237 del 25 giugno 2002

(1 massima)

(massima n. 1)

Il decreto con il quale il giudice dell'esecuzione dispone che i canoni di locazione dell'immobile pignorato siano versati al custode del bene, essendo emesso in funzione strumentale alla procedura coattiva, spiega i suoi effetti soltanto nell'ambito del processo esecutivo in cui l'ausiliare Ŕ stato nominato, dovendosi escludere ogni ultrattivitÓ del suddetto decreto nel caso in cui la procedura si estingua. Pertanto il custode del bene giÓ pignorato, che abbia acquistato l'immobile dal debitore esecutato, non pu˛ nella veste di nuovo proprietario valersi di tale decreto contro il conduttore dell'immobile, relativamente ai canoni dovuti per il periodo corrispondente alla procedura esecutiva estinta, nÚ a tal fine pu˛ invocare il fenomeno successorio tra le due distinte qualitÓ soggettive.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.