Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1292 del 27 febbraio 1979

(2 massime)

(massima n. 1)

Il requisito della certezza, liquiditą ed esigibilitą del credito costituisce una condizione di ammissibilitą, in rito, dell'intervento nel processo esecutivo del creditore non munito di titolo esecutivo al fine della sua partecipazione alla distribuzione della somma che verrą ricavata dalla vendita dei beni pignorati; pertanto, la opposizione del debitore rivolta a contestare l'ammissibilitą dell'intervento del creditore per difetto dei suddetti requisiti del credito, deve qualificarsi come opposizione agli atti esecutivi.

(massima n. 2)

Nel caso di estensione del pignoramento a favore del creditore intervenuto nell'esecuzione e non munito di titolo esecutivo, a norma dell'art. 527, primo comma, ultima parte, c.p.c., il debitore, che si opponga, deducendo l'illegittimitą dell'estensione del pignoramento per non avere il credito dell'intervenuto i requisiti della certezza, liquiditą o esigibilitą, propone opposizione alla esecuzione, in quanto contesta il diritto all'ulteriore esercitabilitą dell'azione esecutiva. Incombe, pertanto, al creditore intervenuto, ed interessato all'estensione dell'azione esecutiva, l'onere di dimostrare la certezza, liquiditą ed esigibilitą del credito.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.