Cassazione civile Sez. III sentenza n. 2875 del 20 luglio 1976

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel caso in cui i beni pignorati non possano essere custoditi senza spese, queste debbono essere anticipate dal creditore procedente su provvedimento del giudice dell'esecuzione. Ove tale provvedimento non sia stato emesso o non venga eseguito, ed il custode non si dimetta, le suddette spese debbono essere erogate in proprio da esso custode, che ne chiederÓ il rimborso in sede di liquidazione, ovvero, su espressa autorizzazione del giudice, potrÓ provvedervi con i redditi ricavati dalle cose pignorate. Ne consegue che il custode non pu˛ assumere obbligazioni nei confronti dei terzi impegnando direttamente verso costoro il creditore procedente.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.