Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 1100 del 5 febbraio 1991

(1 massima)

(massima n. 1)

Il valore della controversia di lavoro, ai fini dell'applicabilitÓ della regola dell'art. 440 c.p.c. (sull'inappellabilitÓ Ś e la conseguente ricorribilitÓ per cassazione Ś delle sentenze che hanno deciso una controversia di valore non superiore a lire cinquantamila) deve essere determinato tenendo conto, in aggiunta all'importo-base del credito del lavoratore, anche della rivalutazione monetaria e degli interessi, pur se non richiesti nel ricorso introduttivo, in quanto compresi nell'oggetto della domanda ai sensi dell'art. 429, comma terzo, c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.