Cassazione civile Sez. I sentenza n. 11343 del 30 agosto 2001

(1 massima)

(massima n. 1)

La disposizione contenuta nell'art. 184 legge fall., che estende ai Soci illimitatamente responsabili di societÓ di persone l'efficacia remissoria del concordato preventivo, si riferisce ai debiti sociali, nel senso che il pagamento della percentuale concordataria ha effetto liberatorio anche nei loro confronti, senza con ci˛ determinare l'estensione della procedura al patrimonio dei soci, che resta estraneo ad essa. Agli atti di disposizione del socio non pu˛, pertanto, essere estesa la disciplina dettata dall'art. 167 legge fall. che prevede l'inopponibilitÓ ai creditori sociali degli atti di disposizione anteriori alla procedura posti in essere dal debitore ammesso alla procedura, che va identificato nella sola societÓ.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.