Cassazione penale Sez. I sentenza n. 4077 del 21 settembre 1995

(2 massime)

(massima n. 1)

L'estinzione del reato, a norma dell'art. 210 c.p., impedisce di per sŔ l'applicazione della misura di sicurezza, e ne fa cessare l'applicazione. Ne consegue che, poichÚ, nel caso di assoluzione (nella specie, in appello) da uno dei reati contestatigli, il condannato versa in una situazione analoga, il magistrato di sorveglianza deve valutare la situazione giuridica creatasi ed accertare se la residua pena si riferisca a reati per i quali Ŕ applicabile la misura originariamente disposta dalla sentenza riformata in appello. Si tratta di una interpretazione del titolo che compete al magistrato di sorveglianza e, in caso di appello, al tribunale di sorveglianza, nel normale esercizio delle attribuzioni conferite, dovendosi ritenere che tutto ci˛ che si riferisce all'erronea applicazione di una misura di sicurezza fuori dei casi consentiti, in quanto violazione del pi¨ ampio principio di legalitÓ, rientra nei suoi poteri decisionali.

(massima n. 2)

La sentenza non passa mai in giudicato per quanto concerne le misure di sicurezza, data la natura sostanzialmente amministrativa di queste, la loro modificabilitÓ e revocabilitÓ, e l'applicabilitÓ ex officio persino dopo la sentenza nei casi indicati dall'art. 205 c.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.