Cassazione civile Sez. I sentenza n. 3338 del 6 marzo 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

Dichiarato, a seguito del fallimento di societą commerciale, il fallimento in estensione del socio illimitatamente irresponsabile (Recte: responsabile - N.d.R.) e ritenuto irrilevante, da parte del giudice del merito, il decorso del limite temporale dell'anno dalla cessazione dell'attivitą, la sopraggiunta declaratoria di illegittimitą costituzionale, in parte qua, tanto dell'art. 10 quanto dell'art. 147 legge fall. (sent. n. 319 del 2000) impone — allorché il motivo di censura attenga al profilo dell'avvenuta decorrenza del termine — la cassazione della sentenza impugnata, affinché il giudice del rinvio si uniformi alla pronuncia di incostituzionalitą, compiendo l'accertamento in fatto, in precedenza omesso, in ordine al rispetto del prescritto limite temporale ai fini dell'assoggettabilitą a fallimento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.