Cassazione civile Sez. I sentenza n. 5648 del 8 novembre 1984

(1 massima)

(massima n. 1)

Nel giudizio di verificazione di scrittura privata, ai fini delle conseguenze previste dal capoverso dell'art. 219 c.p.c., la mancata comparizione deve necessariamente costituire espressione della volontÓ della parte medesima di sottrarsi all'incombente della redazione del documento comparativo, necessario per effettuare la verificazione della scrittura disconosciuta. Solo, infatti, a tale rifiuto pu˛ riconnettersi l'effetto di un implicito riconoscimento della scrittura disconosciuta. Pertanto, ci˛ non si verifica quando la mancata comparizione sia imputabile a diversa ragione che giustifichi, sul piano comportamentale, l'assenza della parte con la conseguenza che il giudice istruttore ben pu˛ fissare una nuova udienza di comparizione, ai fini dell'incombente di cui al citato art. 219 del codice di rito.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.