Cassazione civile Sez. III sentenza n. 1567 del 3 maggio 1976

(1 massima)

(massima n. 1)

Il vizio di citazione derivante dal difetto di legittimazione ad processum del soggetto in etÓ minore, chiamato in giudizio in proprio e non in persona del suo legale rappresentante, dÓ luogo ad una nullitÓ che pu˛ essere rilevata oltre i termini previsti dall'art. 157, secondo comma, c.p.c. Tale nullitÓ, per˛, resta definitivamente sanata qualora il soggetto interessato, divenuto maggiorenne abbia accettato il contraddittorio, senza sollevare alcuna eccezione; in tal caso il di lui comportamento concludente integra pure una ratifica della procura ad litem, originariamente nulla, in quanto esprime una tacita approvazione dell'attivitÓ del procuratore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.