Cassazione civile Sez. I sentenza n. 3301 del 20 aprile 1990

(1 massima)

(massima n. 1)

In materia di dichiarazione di fallimento l'omissione da parte dell'imprenditore che chieda il proprio fallimento del deposito delle scritture contabili, del bilancio e del conto dei profitti e delle perdite ai sensi dell'art. 14, R.D. 16 marzo 1942, n. 267, che pu˛ essere eccepita solo da chi dimostri di avere un interesse proprio a tale produzione, non costituisce di per sÚ motivo di nullitÓ della dichiarazione di fallimento, dovendo il fallito ovviare a tale omissione ai sensi dell'art. 16, comma secondo, n. 3 del detto decreto.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.