Cassazione penale Sez. II sentenza n. 548 del 16 gennaio 1988

(1 massima)

(massima n. 1)

L'aggravante di aver cagionato alla persona offesa dal reato un danno patrimoniale di rilevante gravitÓ pu˛ ritenersi sussistente anche nel caso di delitto tentato, qualora il giudice abbia accertato che il danno patrimoniale cagionato alla persona offesa sarebbe stato di rilevante gravitÓ se il reato fosse stato portato a compimento. (Fattispecie in cui Ŕ stata ritenuta applicabile l'aggravante di cui all'art. 61 n. 7 del reato tentato di fraudolenta distruzione della cosa propria e mutilazione fraudolenta della propria persona, ex art. 642 c.p.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.