Cassazione civile Sez. VI-2 ordinanza n. 3855 del 18 febbraio 2014

(1 massima)

(massima n. 1)

La regola dettata dall'art. 157, terzo comma, cod. proc. civ., secondo cui la nullitÓ non pu˛ essere opposta dalla parte che vi ha dato causa, si riferisce solo ai casi nei quali la nullitÓ non possa pronunciarsi che su istanza di parte, e non riguarda, perci˛, le ipotesi in cui, invece, questa debba essere rilevata d'ufficio, con la conseguenza che essa non trova applicazione quando, come nel caso di mancata integrazione del contraddittorio in causa inscindibile, la nullitÓ si ricolleghi ad un difetto di attivitÓ del giudice, al quale incombeva l'obbligo di adottare un provvedimento per assicurare il regolare contraddittorio nel processo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.