Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 5066 del 31 gennaio 2014

(1 massima)

(massima n. 1)

Il "nunchaku", strumento utilizzato per aggressione e difesa nelle arti marziali, e costituito da due bastoni corti uniti da una breve catena o corda, rientra nel novero delle armi comuni non da sparo o "bianche", essendo destinato all'offesa alla persona perchÚ idoneo a strangolare, oltre che a colpire e ledere. (Fattispecie relativa a lesioni aggravate dall'uso di armi).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.