Cassazione civile Sez. VI-1 ordinanza n. 8580 del 11 aprile 2014

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di separazione personale dei coniugi, il giudice pu˛ limitare l'assegnazione della casa familiare ad una porzione dell'immobile, di proprietÓ esclusiva del genitore non collocatario, anche nell'ipotesi di pregressa destinazione a casa familiare dell'intero fabbricato, ove tale soluzione, esperibile in relazione del lieve grado di conflittualitÓ coniugale, agevoli in concreto la condivisione della genitorialitÓ e la conservazione dell'"habitat" domestico dei figli minori. Qualora, peraltro, il genitore non collocatario muti residenza, vengono meno i presupposti applicativi di cui all'art. 155 quater cod. civ. e non trova pi¨ giustificazione il provvedimento di assegnazione parziaria, che sia fondato, erroneamente, sulla riconducibilitÓ alla casa familiare, in mancanza di riscontri di fatto, della sola porzione occupata dal genitore collocatario e sulla sufficienza, alla luce dell'art. 1022 cod. civ., della titolaritÓ, da parte del genitore non collocatario, della proprietÓ dell'intero fabbricato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.