Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 5029 del 10 aprile 1989

(1 massima)

(massima n. 1)

Il delitto di maltrattamenti in famiglia, quale reato abituale, non resta escluso se nel tempo considerato vi siano parentesi di normalitÓ nella condotta dell'agente e di accordo con i familiari. Pertanto, un intervallo di tempo fra una serie e l'altra di episodi lesivi dell'integritÓ fisica o morale del soggetto passivo non fa venir meno l'esistenza del reato, ma pu˛ dar luogo, come per ogni reato permanente, alla continuazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.