Cassazione penale Sez. III sentenza n. 29315 del 16 luglio 2009

(2 massime)

(massima n. 1)

Il delitto di diffusione di una malattia delle piante o degli animali, di cui all'art. 500 c.p., č punibile anche a titolo di tentativo in quanto, trattandosi di reato di evento, č configurabile in presenza di atti idonei diretti in modo non equivoco alla propagazione della malattia. (Fattispecie di animali contagiati dalla brucellosi)

(massima n. 2)

Integra il delitto di diffusione di una malattia delle piante o degli animali di cui all'art. 500 c.p., la probabilitā che la propagazione della malattia stessa rechi nocumento all'economia rurale, forestale ovvero al patrimonio zootecnico nazionale. (In motivazione la Corte ha precisato che tale interpretazione č in sintonia con il testo della fattispecie incriminatrice la quale richiede che il pericolo, che la legge intende evitare, deve essere connesso alla diffusione della malattia).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.