Cassazione civile Sez. I sentenza n. 920 del 7 marzo 1977

(2 massime)

(massima n. 1)

Il decreto ingiuntivo emesso a carico di una persona in qualitÓ di erede del debitore, o di rappresentante dell'ereditÓ, contiene una implicita decisione sulla sussistenza di detta qualitÓ, e, pertanto, conferisce all'ingiunto l'interesse a proporre opposizione, per far valere la propria veste di semplice chiamato all'ereditÓ, non accettante e non possessore di beni ereditari, e, quindi privo di legittimazione passiva nei confronti della domanda.

(massima n. 2)

Nel procedimento promosso contro il chiamato all'ereditÓ, la richiesta di fissazione di un termine, entro il quale il convenuto debba accettare o rinunciare all'ereditÓ medesima (art. 481 c.c.), non pu˛ essere avanzata per la prima volta in grado di appello, ai sensi dell'art. 345 c.p.c.).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.