Cassazione civile Sez. I sentenza n. 2084 del 30 marzo 1984

(1 massima)

(massima n. 1)

La clausola compromissoria, con cui nel contratto sociale i soci (nella specie: di una societÓ in nome collettivo) rimettano ad arbitri le controversie in ordine all'esclusione di soci dalla societÓ, Ŕ giuridicamente valida, alla luce dell'art. 806 c.p.c., e, comporta, con il sostituire al giudizio di opposizione previsto dall'art. 2287 c.c., un giudizio arbitrale, il venir meno, senza possibilitÓ di reviviscenza del termine di decadenza (trenta giorni dalla comunicazione del provvedimento di esclusione) fissato da quest'ultima norma per l'inizio dell'azione davanti al tribunale, trattandosi di termine disponibile, ed incompatibile con la struttura del procedimento arbitrale. Tale termine, pertanto, ove vi sia stata concorde rinunzia al procedimento arbitrale, non pu˛ trovare pi¨ applicazione per l'opposizione ex art. 2287 citato, che sia stata successivamente proposta.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.