Cassazione civile Sez. I sentenza n. 2611 del 20 aprile 1985

(1 massima)

(massima n. 1)

Le controversie concernenti diritti disponibili possono essere oggetto tanto di arbitrato rituale, quanto di arbitrato irrituale o libero, indipendentemente dalla circostanza che la legge ne contempli la risoluzione in via giudiziaria mediante azione tipica. Pertanto, la clausola dello statuto di una societÓ cooperativa edilizia, che devolva ad arbitri le questioni che insorgano sulla legittimitÓ della delibera di esclusione del socio, pu˛ integrare, investendo posizioni soggettive disponibili (all'infuori della ipotesi della societÓ composta da due soci, nella quale l'esclusione coinvolge gli interessi generali relativi alla vita della societÓ stessa), sia l'uno che l'altro tipo di arbitrato, a secondo che la volontÓ delle parti sia rivolta ad ottenere dagli arbitri una pronuncia di tipo giurisdizionale, in esito allo specifico procedimento all'uopo contemplato dal codice di rito, ovvero a conferire agli stessi mandato per una soluzione negoziale della contesa, che si impegnano preventivamente a far propria.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.