Cassazione civile Sez. III sentenza n. 2963 del 28 febbraio 2002

(2 massime)

(massima n. 1)

In tema di assicurazione obbligatoria della responsabilitÓ civile derivante dalla circolazione stradale, qualora, a seguito di un incidente provocato da un autoveicolo non coperto da valida assicurazione, il danneggiato abbia domandato il risarcimento dei danni nei confronti della sola impresa designata per la liquidazione dei danni a carico del fondo di garanzia, senza una espressa domanda nei confronti del danneggiante, non pu˛ essere pronunziata condanna a carico di quest'ultimo, a nulla rilevando che il responsabile del danno abbia la posizione processuale di litisconsorte necessario nella relativa controversia.

(massima n. 2)

Nel sistema della legge sull'assicurazione obbligatoria della responsabilitÓ civile da circolazione di veicoli, non si costituisce un rapporto di solidarietÓ passiva tra il Fondo di garanzia per le vittime della strada ed il soggetto responsabile del danno, perchÚ l'obbligazione del Fondo, avente natura risarcitoria e non indennitaria, Ŕ sostitutiva di quella del responsabile. Ne consegue che la prescrizione dell'azione nei confronti del danneggiante non Ŕ interrotta da un valido atto interruttivo compiuto dal danneggiato nei confronti del Fondo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.