Cassazione penale Sez. IV sentenza n. 6740 del 14 luglio 1983

(1 massima)

(massima n. 1)

In tema di incidenti della viabilitÓ, sia il potere del giudice istruttore, previsto dall'art. 24 della legge 24 dicembre 1969, n. 990 di assegnare una somma al danneggiato in concorso di determinate circostanze (stato di bisogno ed accertati gravi elementi di responsabilitÓ a carico del danneggiato) sia la provvisoria esecutivitÓ di determinate sentenze di condanna, (art. 5 bis L. 26 febbraio 1977 n. 39), attengono a situazioni giuridiche del tutto particolari e diverse rispetto alla possibilitÓ per il giudice penale, (che non sia in grado di decidere sulla liquidazione dei danni), di accordare alla parte civile una provvisionale e di dichiararne la provvisoria esecutivitÓ. Non pu˛ pertanto sostenersi che tali disposizioni siano incompatibili con l'applicabilitÓ degli artt. 389 e 489 bis c.p.c. al risarcimento dei danni derivanti da circolazione stradale ovvero, ne costituiscano implicita abrogazione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.