Cassazione civile Sez. II sentenza n. 6269 del 25 ottobre 1986

(1 massima)

(massima n. 1)

Quando il muro nel quale vengono aperte le vedute forma un angolo acuto con la linea di confine o con il muro dell'edificio esistente sul suolo contiguo, pu˛ esercitarsi Ś quale che sia il grado dell'angolo stesso Ś sia la veduta diretta che quella obliqua, con la conseguenza che la distanza da osservare a salvaguardia del fondo vicino Ŕ quella prescritta per la veduta diretta dalla norma dell'art. 905 c.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.