Cassazione civile Sez. II sentenza n. 7511 del 25 agosto 1994

(1 massima)

(massima n. 1)

L'obbligo di rispettare le distanze stabilite dall'art. 905 c.c. per l'apertura di vedute dirette sussiste anche nel caso in cui lo spazio tra edifici vicini sia costituito da un cortile comune, la cui presenza impone a carico dei proprietari dei fabbricati frontistanti dei limiti ancora pi¨ severi di quelli fissati dalle norme sulle distanze, in quanto l'esecuzione di nuove costruzioni non pu˛ alterare la destinazione del cortile consistente nel dare luce ed aria agli edifici su di esso prospettanti.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.