Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 4489 del 13 febbraio 1996

(1 massima)

(massima n. 1)

Il principio della immutabilitÓ del giudice, stabilito dall'art. 525, secondo comma c.p.p. con riferimento alla sentenza pronunziata all'esito del dibattimento, Ŕ applicabile anche alle ordinanze adottate all'esito della procedura in camera di consiglio, ai sensi dell'art. 127 c.p.p., con la conseguente nullitÓ del provvedimento pronunziato da un collegio non composto dalle medesime persone fisiche che hanno partecipato alla trattazione di tutte le udienze. La nullitÓ in questione, tuttavia, non ricorre se la procedura Ś a seguito di precedente rinvio disposto anche per la acquisizione di ulteriore documentazione Ś viene riprodotta ex novo innanzi ad un collegio diverso che provveda alla complessiva trattazione (la quale comprende ogni attivitÓ finalizzata alla decisione, come l'esame delle acquisizioni probatorie e delle richieste delle parti). ╚ invece estraneo al concetto di trattazione il mero rinvio preliminare all'esame del merito della res iudicanda.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.