Cassazione civile Sez. II sentenza n. 5511 del 27 ottobre 1984

(1 massima)

(massima n. 1)

Allorquando la costruzione di un muro viene eseguita su due adiacenti strisce di terreno, ciascuna di proprietÓ esclusiva di un distinto soggetto, deve ritenersi che, a norma dell'art. 934 c.c. (il quale statuisce il principio dell'accessione), ognuno di tali soggetti acquisti la proprietÓ della sola parte di muro costruito sul proprio terreno, in quanto in detta ipotesi Ś in mancanza di un atto di costituzione in forma scritta (art. 1350 n. 3 c.c.) Ś non si realizza la comunione incidentale del muro, mancando di questa i requisiti necessari, quali la indivisibilitÓ funzionale dell'opus e la univoca destinazione delle cose di proprietÓ esclusiva a proprietÓ comune.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.