Cassazione civile Sez. II sentenza n. 15509 del 6 dicembre 2000

(1 massima)

(massima n. 1)

L'art. 844 c.c. impone, nei limiti della normale tollerabilitÓ e dell'eventuale contemperamento delle esigenze della produzione con le ragioni della proprietÓ, l'obbligo di sopportazione delle propagazioni inevitabili determinate dall'uso delle proprietÓ attuato nel contesto delle norme generali e speciali che ne disciplinano l'esercizio. Al di fuori di tali limiti, si Ŕ in presenza di un'attivitÓ illegittima, di fronte alla quale non ha ragion d'essere l'imposizione di un sacrificio all'altrui diritto di proprietÓ o di godimento e non sono quindi applicabili i criteri dettati dall'art. 844 c.c. ma, venendo in considerazione, in tali ipotesi, unicamente l'illecitÓ, del fatto generatore del danno arrecato a terzi, si rientra nello schema generale dell'azione di risarcimento dei danni ex art. 2043 c.c. che pu˛ essere proposta anche cumulativamente con l'azione ex art. 844 c.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.