Cassazione civile Sez. VI sentenza n. 2319 del 1 febbraio 2011

(1 massima)

(massima n. 1)

Il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri in data 1░ marzo 1991, il quale, nel determinare le modalitÓ di rilevamento dei rumori ed i limiti di tollerabilitÓ in materia di immissioni rumorose, al pari dei regolamenti comunali limitativi dell'attivitÓ rumorosa, fissa, quale misura da non superare per le zone non industriali, una differenza rispetto al rumore ambientale pari a 3 db in periodo notturno e in 5 db in periodo diurno, persegue finalitÓ di carattere pubblico ed opera nei rapporti tra i privati e la P.A.. Le disposizioni in esso contenute, perci˛, non escludono l'applicabilitÓ dell'art. 844 c.c. nei rapporti tra i privati proprietari di fondi vicini.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.