Cassazione penale Sez. I sentenza n. 903 del 13 marzo 1998

(1 massima)

(massima n. 1)

La liberazione condizionale pu˛, in linea di principio, essere concessa anche a soggetto che sia sottoposto, per altri fatti, alla misura cautelare degli arresti domiciliari, dovendosi solo verificare (indipendentemente dalle altre condizioni previste dalla legge), se, in concreto, vi sia o meno incompatibilitÓ fra le limitazioni dipendenti dalla libertÓ vigilata (da applicarsi in conseguenza della liberazione condizionale) ed il rispetto, ritenuto dalla legge preminente, della misura cautelare; ci˛ in linea con il principio della compatibilitÓ fra custodia cautelare ed espiazione di pena in regime di misure alternative alla detenzione, affermato dall'art. 298, comma 2, c.p.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.