Cassazione civile Sez. Unite sentenza n. 10157 del 26 giugno 2003

(1 massima)

(massima n. 1)

L'attribuzione a privati dell'utilizzazione di beni del demanio o del patrimonio indisponibile dello Stato o dei comuni, quale che sia la terminologia adottata nella convenzione ed ancorchÚ essa presenti elementi privatistici, Ŕ sempre riconducibile, ove non risulti diversamente, alla figura della concessione-contratto, atteso che il godimento dei beni pubblici, stante la loro destinazione alla diretta realizzazione di interessi pubblici, pu˛ essere legittimamente attribuito ad un soggetto diverso dall'ente titolare del bene Ś entro certi limiti e per alcune utilitÓ Ś solo mediante concessione amministrativa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 15 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.