Cassazione penale Sez. V sentenza n. 80 del 4 gennaio 2006

(1 massima)

(massima n. 1)

Nell'ambito del giudizio abbreviato, ai fini dell'affermazione di penale responsabilitÓ dell'imputato, non pu˛ costituire valido elemento di riscontro alla chiamata in correitÓ il racconto fatto a un ufficiale di polizia giudiziaria da un confidente rimasto anonimo, in quanto, ai sensi dell'art. 203 c.p.p., le dichiarazioni rese da un informatore anonimo non possono essere utilizzate neppure nelle fasi diverse dal dibattimento, sempre che lo stesso non sia stato assunto a sommarie informazioni.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.