Cassazione civile Sez. I sentenza n. 423 del 5 febbraio 1975

(2 massime)

(massima n. 1)

L'art. 356 c.c. - che consente a chi compie una donazione o dispone per testamento a favore di un minore, di nominargli un curatore speciale per l'amministrazione dei beni donati o lasciati - introducendo una deroga alla regola generale per cui la rappresentanza dei minori e l'amministrazione dei loro beni competono al genitore esercente la patria potestÓ, integra una norma eccezionale e di stretta interpretazione e non Ŕ, pertanto, applicabile alle donazioni indirette, riguardo alle quali le norme sulle donazioni dirette sono applicabili unicamente nei limiti di cui all'art. 809 c.c. (Nella specie, Ŕ stato escluso che un genitore potesse nominare, in base alla citata norma, un curatore speciale ai figli minori, autorizzandolo a riscuotere, dopo la sua morte, il premio di un contratto di assicurazione a favore dei superstiti di cui i minori stessi erano stati designati come beneficiari, avendo il giudice di merito escluso che tale designazione costituisse una donazione diretta o una disposizione testamentaria).

(massima n. 2)

La norma di cui all'art. 1190 c.c. Ś secondo cui il pagamento fatto al creditore incapace di riceverlo non libera il debitore se questi non prova che ci˛ che fu pagato Ŕ stato rivolto a vantaggio dell'incapace Ś non pu˛ trovare applicazione nell'ipotesi in cui il pagamento Ŕ stato eseguito a persona diversa dall'incapace e dal suo rappresentante legale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.