Cassazione penale Sez. VI sentenza n. 11914 del 12 dicembre 1992

(1 massima)

(massima n. 1)

La trascrizione delle registrazioni, non soltanto non costituisce mezzo di prova, ma non pu˛ neppure identificarsi come una tipica attivitÓ di documentazione, fornita di una propria autonomia conoscitiva, rappresentando esclusivamente un'operazione di secondo grado volta a trasporre con segni grafici il contenuto delle registrazioni. Donde l'ontologica insussistenza, in relazione alle trascrizioni, di un problema di utilizzazione, potendo semmai denunciarsi la mancata corrispondenza fra il contenuto delle registrazioni e quello risultante dalle trascrizioni effettuate. D'altro canto, sarebbe del tutto ultroneo il richiamo alle norme relative alla perizia; non soltanto per il carattere di mera operazione dell'attivitÓ di trascrizione, comunque da distinguere dalla struttura gnoseologica dei mezzi di prova, dei quali pu˛, semmai, costituire una mera rappresentazione, ma per la fungibilitÓ, che Ŕ propria dell'attivitÓ meramente riproduttiva, non in grado di poter essere qualificata alla stregua di un documento e, conseguentemente, di un mezzo di prova.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.