Cassazione penale Sez. V sentenza n. 10041 del 22 settembre 1998

(2 massime)

(massima n. 1)

Ai fini della configurabilitā della connessione teleologica prevista dall'art. 12, lett. c), c.p.p., non č richiesto che vi sia identitā fra gli autori del reato fine e quelli del reato mezzo.

(massima n. 2)

Le dichiarazioni spontanee dell'imputato previste dall'art. 494 c.p.p. possono anche avere contenuto accusatorio nei confronti di coimputati, nel qual caso vengono a costituire vere e proprie chiamate in correitā da valutarsi come elementi di prova a carico dei chiamati secondo la disciplina dettata dall'art. 192, comma 3, c.p.p.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.