Cassazione civile Sez. I sentenza n. 3312 del 21 marzo 2000

(3 massime)

(massima n. 1)

Ai fini dell'annullamento di una delibera assembleare di una societÓ di capitali per conflitto di interessi ex art. 2373 c.c., deve ritenersi del tutto irrilevante la circostanza che la delibera stessa consenta al socio il conseguimento (anche) di un suo personale interesse se, nel contempo, non risulti pregiudicato l'interesse sociale. Il socio, pertanto, pu˛ legittimamente avvalersi del proprio diritto di voto per realizzare (anche) un fine personale, qualora, attraverso il voto stesso, egli non sacrifichi, a proprio favore, l'interesse sociale.

(massima n. 2)

In tema di societÓ a responsabilitÓ limitata, il mancato richiamo, in seno all'art. 2487 c.c., della norma di cui all'art. 2383, secondo comma, stesso codice (che stabilisce, per le societÓ per azioni, un limite triennale alla durata in carica degli amministratori) assume, del tutto inequivocamente, il significato che, per tale tipo di societÓ, il legislatore non ha inteso imporre un termine di durata per la nomina degli amministratori, sicchÚ tale nomina pu˛ legittimamente venir compiuta per un periodo superiore al triennio, ovvero a tempo indeterminato.

(massima n. 3)

L'amministratore di una societÓ a responsabilitÓ limitata nominato a tempo indeterminato pu˛, del tutto legittimamente, esser revocato con preavviso, ai sensi dell'art. 1725, secondo comma, c.c., senza che a ci˛ osti il disposto del terzo comma dell'art. 2383 stesso codice (richiamato, ratione materiae, dal successivo art. 2487), riguardando detta norma la (diversa) ipotesi di nomina dell'amministratore a tempo determinato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.