Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 193 Legge fallimentare

(R.D. 16 marzo 1942, n. 267)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Fine dell'amministrazione controllata

[ABROGATO]

Dispositivo dell'art. 193 Legge fallimentare

Titolo abrogato dal D.lgs. 9 gennaio 2006, n. 5.

[Il debitore che dimostra di essere in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni può chiedere al tribunale anche prima del termine stabilito la cessazione della procedura. In tal caso il tribunale provvede con decreto pubblicato a norma dell'art. 17.

Se al termine dell'amministrazione controllata risulta che l'impresa non è in condizioni di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni, si applica il terzo comma dell'articolo precedente.]

Massime relative all'art. 193 Legge fallimentare

Cass. civ. n. 6715/1996

Per l'ammissione alla procedura di amministrazione controllata (artt. 187 e 188 L. fall.) - il cui fine quello di consentire la prosecuzione dell'attività dell'impresa quante volte possa ragionevolmente presumere il salvataggio, mentre la tutela dei creditori è assicurata unicamente dal controllo della gestione - la legge fallimentare non richiede alcuna valutazione «comparativa» dell'interesse dei creditori, ma esprime l'esigenza che la moratoria ad essi imposta si giustifichi solo nella prospettiva di un integrale soddisfacimento delle loro ragioni (che restano in tal modo sottratte sia alla percentuale concordataria sia alla falcidia fallimentare). Ne consegue che il ristabilimento della vita normale dell'impresa non si realizza con il mero raggiungimento di una situazione di equilibrio fra attivo e passivo, di natura meramente contabile, ma con la dimostrazione, secondo quanto può dedursi dall'art. 193 L. fall., che il debitore è in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni, e cioè che egli è in grado di pagare tutti i debiti scaduti, ovvero che abbia ottenuto di differire nel tempo il proprio adempimento a seguito di accordi con i creditori, ed abbia la possibilità di offrire sufficienti garanzie di pagamento per quelli non ancora scaduti, attraverso l'apporto di nuovi capitali che si aggiungano ai risultati utili della gestione controllata dell'impresa.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto