Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 466 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 31/08/2021]

FacoltÓ dei difensori

Dispositivo dell'art. 466 Codice di procedura penale

1. Durante il termine per comparire, le parti e i loro difensori hanno facoltà di prendere visione, nel luogo dove si trovano, delle cose sequestrate, di esaminare in cancelleria gli atti e i documenti raccolti nel fascicolo per il dibattimento [431] e di estrarne copia [116].

Ratio Legis

La disposizione in esame trova la propria ratio nell'esigenza di garantire il pieno contraddittorio tra le parti.

Spiegazione dell'art. 466 Codice di procedura penale

Al fine di poter svolgere al meglio la propria attività difensiva, i difensori hanno facoltà, durante il termine per comparire, di prendere visione delle cose sequestrate, e di esaminare in cancelleria gli atti e i documenti contenuti nel fascicolo per il dibattimento, e di estrarne copia.

Si ricordi che al momento dell'emissione del decreto che dispone il giudizio, si procede alla distribuzione degli atti del procedimento in due diversi fascicoli: quello del dibattimento e quello del pubblico ministero (art. 433).

Il sistema del doppio fascicolo nasce dall'esigenza di impedire che il giudice del dibattimento possa essere influenzato dal contenuto degli atti di indagine preliminare che non hanno valore di prova ed esauriscono la loro funzione con il rinvio a giudizio dell'imputato, salvo ipotesi eccezionali di recupero dibattimentale.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto