Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 539 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 29/02/2020]

Vendita o assegnazione degli oggetti d'oro e d'argento

Dispositivo dell'art. 539 Codice di procedura civile

Gli oggetti d'oro e d'argento (1) non possono in nessun caso essere venduti per un prezzo inferiore al valore intrinseco (2).

Se restano invenduti, sono assegnati per tale valore ai creditori [disp. att. 162] (3).

Note

(1) L'opinione dottrinale dominante ritiene che la disciplina contenuta nella norma in esame deve applicarsi anche ai gioielli in generale.
(2) Al fine di quantificare il valore dei preziosi è possibile ricorrere ad uno stimatore o al listino di mercato.
(3) Se l'incanto avente ad oggetto tali beni si rivela infruttuoso, il giudice non ha la possibilità di ordinare un nuovo incanto al maggiore offerente, essendo necessario assegnare tali beni ai creditori per il loro valore intrinseco, diversamente da quanto come accade nell'ipotesi prevista dall'art. 538 comma 2.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo