Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1099 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/09/2020]

Sostituzione di acqua viva

Dispositivo dell'art. 1099 Codice Civile

Il proprietario del fondo soggetto alla servitù degli scoli o degli avanzi d'acqua può sempre liberarsi da tale servitù mediante la concessione e l'assicurazione al fondo dominante di un corpo di acqua viva, la cui quantità è determinata dall'autorità giudiziaria, tenuto conto di tutte le circostanze [912].

Spiegazione dell'art. 1099 Codice Civile

Coordinazione fra gli art. 1098 e 1099

La lettura di questi due articoli dà l'impressione che il primo si riferisca soltanto al proprietario del fondo che riceve in un primo tempo gli scoli e ha poi l'obbligo di restituirli al concedente o ad un terzo (ipotesi dell' art. 1095 del c.c.), e che il secondo si riferisca soltanto al proprietario del fondo da cui gli scoli hanno la loro prima origine, e che ha l'obbligo di non divergerli dal loro corso verso il primo fondo dominante (ipotesi dell' art. 1094 del c.c.). Ma un'accorta riflessione convince che non c'è alcuna ragione la quale giustifichi siffatta distinzione.

Non nel caso dell'art. 1098 del c.c., perchè la medesima esigenza pratica esistente per il proprietario del fondo che riceve e deve restituire gli scoli si fa sentire anche per il proprietario che per primo li eroga; e non nel caso dell'art. 1099, perché anche qui il rimedio consentito al proprietario che per primo eroga gli scoli raggiunge il medesimo effetto se consentito al proprietario che anzitutto li riceve e poi ne deve restituire gli avanzi.

Di conseguenza i due articoli discriminano ipotesi diverse per contenuto e non per la qualità e la posizione dei soggetti nel rapporto.


Contenuto dell' art. 1098 del c.c.

L' art. 1098 del c.c. dispone che chi ha l'obbligo di lasciar discendere scoli di acque verso il fondo di un altro, non può deviarne alcuna parte col pretesto o con il motivo che ha introdotto in essi una maggiore quantità di acqua viva o magari un corpo diverso di acqua. Malgrado che tale circostanza sia vera, e che pertanto egli finisca per dare al fondo dominante una quantità d'acqua maggiore di quella che avrebbe ricevuto senza quella introduzione, egli ha l'obbligo di lasciar discendere all'avente diritto lo scolo nella sua totalità, compresa l'acqua introdotta. La disposizione, più che avere una solida base dogmatica, si giustifica essenzialmente con l'opportunità pratica di evitare contestazioni o liti, che potrebbero difficilmente essere composte con sicura individuazione del giusto.


Contenuto dell'art. 1099

L'art. 1099 ammette però che il proprietario del fondo soggetto alla servitù, mentre non può per l'articolo precedente, deviarne una parte qualunque col pretesto di avervi introdotto una quantità maggiore di acqua viva, può invece liberarsi totalmente dalla servitù di scolo (o di restituzione degli avanzi) mediante la concessione o l' assicurazione al fondo dominante di un corso d'acqua viva, la cui quantità sarà determinata dall'autorità giudiziaria tenuto conto di tutte le circostanze.

Vi è in questa ipotesi una specie di novazione di servitù: cioè l' estinzione di una servitù (di scolo) con la concessione di un'altra (di derivazione d'acqua). Ed anche qui la disposizione, che attribuisce al proprietario del fondo servente un diritto potestativo di modificare la situazione, fu suggerita dall' opportunità di evitare le gravi e molteplici questioni a cui, in pratica, le servitù di scolo danno causa.

S'intende, però, che la modificazione non potrà considerarsi realmente avvenuta che dopo la decisione dell' autorità giudiziaria salvo accordo fra le parti, nel qual caso ha titolo nel contratto. Sentenza e contratto sono poi soggetti a trascrizione.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Le servitù di passaggio

    Editore: Giuffrè
    Collana: Scenari. Nuova serie
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 34,00 -5% 32,30 €
    Categorie: Servitù

    Servitù di passaggio ovvero diritto di transitare nella proprietà altrui per poter utilizzare o godere al meglio del proprio fondo. La servitù è un diritto reale di godimento su cosa altrui. Come distinguere una servitù da una così detta servitù irregolare? Quando la servitù può dirsi volontaria e quando coattiva? Che cosa significa utilitas? Qual è l'impatto della mediaconciliazione sul procedimento giudiziario di... (continua)

  • Le servitù prediali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €
    Categorie: Servitù

    L'opera affronta in modo completo e approfondito la tematica delle servitù prediali, tenendo conto della dottrina più attuale ed autorevole, nonché degli orientamenti giurisprudenziali più significativi e recenti. Dopo un inquadramento dell'istituto, la trattazione si sofferma sui principi generali della materia per poi analizzare nel dettaglio le diverse figure, quali: le servitù coattive, volontarie, acquistate per usucapione, le servitù di... (continua)