Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2593 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Modelli e disegni

Dispositivo dell'art. 2593 Codice Civile

Chi ha ottenuto una registrazione per un nuovo disegno o modello che abbia carattere individuale, ha il diritto esclusivo di utilizzarlo e di vietare a terzi di utilizzarlo senza il suo consenso, in conformità alle leggi speciali.

Ratio Legis

Il modello ornamentale è brevettabile a condizione che sia riconosciuto un valore peculiare, ovvero di particolare pregio estetico, tale da caratterizzarlo in modo autonomo, cossichè gli venga riconosciuto uno specifico valore di mercato.

Spiegazione dell'art. 2593 Codice Civile

Per la validità di un brevetto per modello ornamentale l'art. 5 r.d. n. 1411/1940, nel testo applicabile alla fattispecie in esame, e l'art. 2593 richiedono la sussistenza, quale elemento costitutivo del modello, del carattere della novità, la quale va intesa come novità estrinseca dell'oggetto rispetto agli altri di comune commercio, caratterizzata da una particolare espressione figurativa e da un valore estetico, che valga a caratterizzare il prodotto in modo autonomo, di talché esso acquisisca un suo specifico valore sul mercato e si differenzi dagli altri appartenenti allo stesso genere proprio in funzione del suo pregio estetico; è, altresì, necessario che quel nuovo modello o disegno sia idoneo a conferire al prodotto industriale uno speciale ornamento, sia per la forma, sia per la particolare combinazione di linee, di colori o di altri elementi (art. 5 cit.), mentre l'art. 2593 impone che esso abbia carattere individualizzante.
Per la validità di un brevetto per modello ornamentale, nella vigenza della disciplina di cui al d.lgs. n. 95/2001, non occorre più il requisito dello speciale ornamento già previsto dall'art. 5 r.d. n. 1411/1940, essendo sufficiente un carattere individualizzante, ravvisabile ogni qualvolta l'aspetto complessivo del prodotto susciti, rispetto al modello di comparazione precedentemente divulgato, una differenziata impressione generale in un utilizzatore informato, per tale intendendosi il destinatario del prodotto, non necessariamente professionale, ma competente e aggiornato nel settore merceologico di riferimento.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I contratti di licenza di trasferimento tecnologico in ambito accademico. La licenza d'invenzione universitaria fra diritto e prassi

    Editore: Il Mulino
    Collana: Percorsi
    Pagine: 293
    Data di pubblicazione: aprile 2016
    Prezzo: 23,00 -5% 21,85 €

    La scienza giuridica si è sinora scarsamente dedicata al fenomeno del trasferimento tecnologico universitario, delegando ad altre discipline un ruolo che le è proprio. È dunque quanto mai urgente esaminare tutti gli accordi, le strategie e gli strumenti giuridici tramite i quali si veicola l'introduzione e la disseminazione di elementi di innovazione nel mercato, permettendo di sviluppare sia la ricerca fondamentale sia quella applicata e supportando, di conseguenza,... (continua)