Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1788 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Diritti del depositante

Dispositivo dell'art. 1788 Codice civile

Il depositante ha diritto d'ispezionare le merci depositate e di ritirare i campioni d'uso [1793].

Ratio Legis

La norma si spiega considerando che il depositante rimane, comunque, il proprietario della merce depositata e, quindi, può esercitare i diritti previsti dalla norma se gli diviene necessario.

Spiegazione dell'art. 1788 Codice civile

Diritti del depositante

Un'altra caratteristica del deposito nei magazzini generali consiste nella facoltà, attribuita al depositante dall'art. 1788, di ispezionare le merci depositate e di ritirare i campioni d'uso.
Poiché ambedue tali facoltà non potrebbero negarsi a qualsiasi depositante, essendo la prima manifestazione del generale potere di controllare l'adempimento della custodia, e non urtando la seconda contro alcun apprezzabile interesse contrario del depositario, il valore dell'espressa consacrazione nei riguardi del deposito nei magazzini si coglie considerando che, mentre nel deposito in genere tali facoltà sono esperibili in linea di fatto, ma non determinano alcuna particolarita della custodia rivolta ad assicurane l'esperibilità, viceversa i magazzini generali debbono collocare e tener collocate le merci in modo da render sempre possibile ed agevole l'esercizio delle facoltà medesime.
Questo, però si riferisce non soltanto all'ispezione ed al prelevamento di campioni, ma anche a manipolazioni, cernite miscele, travasi, ed in genere a «tutte le operazioni che i depositanti possono avere interesse a compiere sulle merci»; e, deve ritenersi che le ulteriori facoltà competono solo se ed in quanto siano previste nei regolamenti d'esercizio.

Interessa comunque notare che la presenza di questi diritti non altera la natura giuridica del contratto, poiché la presupposta facoltà di accesso nei locali non determina alcuna pretesa relativa ai locali medesimi, incompatibile con lo schema del deposito: si tratta di mere modalità del deposito, coordinate alla sua funzione di operazione ausiliaria del commercio.


Obblighi del depositante e garanzie dell'adempimento

Le obbligazioni contrattuali del depositante e le garanzie di adempimento accordate dalla legge al depositario sono quelle stesse illustrate a proposito del deposito in generale (art. 1781).
Va ricordato soltanto che il compenso dovuto per il magazzinaggio deriva dall'applicazione delle tariffe debitamente approvate, e che non vige la presunzione di gratuità, dovendosi anzi ritenere dovuto, anche nel silenzio delle parti, il corrispettivo determinabile in base alla tariffa medesima.

Dal combinato disposto degli articoli 2761 e 2756, deriva che l'esercente non soddisfatto può procedere alla vendita delle cose depositate, mentre tale possibilità non era contemplata in linea generale dal codice del 1865, e sussisteva, pertanto, solo in quanto prevista, com'è frequentemente, dal regolamento d'esercizio.
Il depositante, inoltre, è tenuto al rimborso di quanto sia stato pagato dall'esercente all'erario a titolo di tributo doganale o daziario, dato che, per effetto dell'eseguito pagamento, l'esercente è surrogato nelle ragioni dell'Erario, a sensi dell'art. 1203 n. 3 del codice; ed anche questo credito di rivalsa e privilegiato, poiché l'esercente subentra nel privilegio già spettante all'Erario.

Per quanto concerne i rapporti tra i crediti dell'esercente ed i crediti pignoratizi o le ragioni di altri aventi diritto, deve ritenersi che la norma dell'art. 2756, 2°comma, applicabile al deposito in genere (articolo 2761), secondo la quale il privilegio del depositario ha effetto anche in pregiudizio dei terzi aventi diritto a condizione che il depositario medesimo sia stato in buona fede nel fare le spese o le prestazioni, sia derogata, nel senso che da questa condizione si debba prescindere, dal capoverso dell'art. 1789, secondo il quale «il ricavato della vendita, dedotte le spese e quanto altro spetta ai magazzini generali, deve essere tenuto a disposizione degli aventi diritto ». Vero è che tale disposizione è formalmente riferita alla sola ipotesi di vendita promossa dall'esercente per mancato ritiro delle merci alla scadenza o dopo il decorso di un anno o per evitare il deperimento; ma l'estensione anche alle altre ipotesi di vendita sembra derivare dall'assoluta mancanza di ogni ragione di diverso trattamento.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I contratti di collaborazione. Con CD-ROM

    Collana: Trattato dei Contratti
    Pagine: 1200
    Data di pubblicazione: marzo 2011
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €

    L’Opera esamina i profili e la disciplina giuridica della categoria dei contratti di collabo-razione (o cooperazione), quei contratti che hanno a oggetto un’attività di gestione di af-fari altrui, compiuta da una parte contraente (il gestore) nell’interesse dell’altra (il sog-getto gerito).

    Il volume esamina pertanto le fattispecie giuridiche in materia delineate dal codice civile e dalle leggi speciali, quali il mandato, la mediazione, il contratto di... (continua)